Drax ha unito l'aldilà L'alleanza del carbone, in Gran Bretagna o in anticipo per ottenere carbone senza carbone

- Apr 12, 2018-

La più grande centrale elettrica dell'Europa occidentale il 9 aprile, il proprietario del gruppo Drax (la compagnia) ha firmato "oltre l'alleanza del carbone" (Powering Past Coal Alliance), è un impegno per porre fine all'Alleanza globale del carbone.

La società ha potenziato metà delle sue centrali elettriche del North Yorkshire per utilizzare particelle di legno sostenibili al posto del carbone. L'azienda ha firmato l'iniziativa canadese-canadese, che mira a porre fine all'uso del carbone nei paesi sviluppati entro il 2030.

La partecipazione dell'azienda all'iniziativa è stata annunciata al prossimo vertice sull'energia di bloomberg a New York, lunedì 9 aprile, dal segretario per l'energia e lo sviluppo pulito, la senatrice Claire Perry.

"Il Regno Unito è il leader mondiale nell'affrontare il cambiamento climatico - le nostre emissioni sono diminuite di oltre il 40% dal 1990", ha detto Clare perry, ministro per l'energia e lo sviluppo pulito. Abbandonando gradualmente la potenza del carbone convenzionale, non adottiamo solo misure positive per combattere il cambiamento climatico, ma anche per proteggere l'aria che respiriamo riducendo l'inquinamento nocivo. "Oltre l'alleanza del carbone" invia un chiaro segnale che l'era della generazione di energia a carbone è finita.

Will Gardiner, amministratore delegato di drax, ha dichiarato: "In un futuro a basse emissioni di carbonio, non c'è spazio per il carbone per ridurre le emissioni. Il governo ha chiarito all'inizio di quest'anno che voleva che l'industria elettrica del Regno Unito fosse priva di carbone 2025, e che avremmo raggiunto quell'obiettivo, forse anche oltre.

"Stiamo esplorando e migliorando il carbone con il resto di noi per utilizzare la biomassa sostenibile e la scelta del gas, pensiamo che queste scelte possano apparire anche prima della scadenza del 2025, per aiutarci a raggiungere la coalizione".

Nel Regno Unito, la produzione di carbone è diminuita drasticamente, dell'84% negli ultimi cinque anni e il passaggio alla tecnologia a basse emissioni di carbonio. Un venerdì (6 aprile 2018), il Regno Unito ha creato la seconda 24 ore dal 1882 per smettere di bruciare carbone.

L'impianto di drenaggio è diventato il più grande progetto europeo di decarbonizzazione. Questo è il più grande generatore di energia rinnovabile del Regno Unito, poiché tre delle sue sei unità generano biomassa invece di carbone. Genera il 65 percento dell'elettricità che genera ora, sufficiente per 4 m famiglie.

Più tardi quest'anno, utilizzerà una soluzione a basso costo sviluppata da ingegneri di livello mondiale per convertire il suo quarto generatore da carbone a biomassa.

Le restanti due unità a carbone sono programmate per essere sostituite con una potenza del gas di 3,6 gigawatt e 200 MW di stoccaggio della batteria.