Le ultime informazioni internazionali sull'energia-2019

- Jul 03, 2019-

Il mercato globale dell'energia eolica offshore supera i 121 GW

Il Regno Unito rinnovabile ha rilasciato nuovi dati alla Conferenza marittima globale sull'energia eolica del 2019 a Londra, rivelando che il portafoglio globale di progetti di energia eolica offshore in corso, in costruzione o in sviluppo è aumentato da meno di 105 GW a oltre 121 GW negli ultimi 12 mesi.

power


L'Europa rimane la più grande area unica per l'energia eolica offshore, rappresentando il 66% dei progetti globali di condutture. L'Europa è dominata dal Regno Unito, che ha una capacità cumulativa di oltre 38,4 gigawatt per progetti di energia eolica offshore in diverse fasi di sviluppo, con un aumento del 9% negli ultimi 12 mesi.



La nuova energia eolica offshore al mondo installata entro il 2030 dovrebbe raggiungere i 200 GW

Questa settimana, il Global Wind Energy Council ha pubblicato un rapporto globale sull'energia eolica offshore. Dal 2013, l'energia eolica offshore non è solo aumentata in media del 21% all'anno, ma dovrebbe aggiungere 200 GW entro il 2030.


Il Global Wind Energy Council prevede che il mercato asiatico dell'energia eolica offshore diventerà la più grande regione eolica offshore del mondo entro il 2030, grazie alla crescita di importanti mercati come Taiwan, Vietnam, Giappone, India e Corea del Sud. Entro il 2030, la capacità installata totale nello scenario BAU in Asia sarà di 100 GW.



La produzione di energia rinnovabile negli Stati Uniti sta crescendo rapidamente e il consumo di carbone è a livelli record

Secondo i resoconti dei media stranieri, gli ultimi dati della US Energy Information Agency (EIA) mostrano che la produzione di energia rinnovabile negli Stati Uniti supera per la prima volta la produzione di carbone. Nell'aprile di quest'anno, la produzione totale di energia idroelettrica, solare ed eolica del Paese ha raggiunto i 68,5 milioni di megawattora, mentre quella del carbone ha generato 60 milioni di megawattora.


Il carbone è caduto in disgrazia, in parte a causa dei minori costi del gas. Nel 2016, il gas naturale ha sostituito il carbone come combustibile preferito negli Stati Uniti, grazie in parte al boom del gas di scisto.


www.greenvinci.com